Questioni di fondo

La fotografia è selezione. Ogni volta che inquadrate una scena con la vostra macchina fotografica, state escludendo tutto il resto. Più che un limite del mezzo tecnico, ne è una caratteristica fondamentale e perciò dobbiamo sfruttarla al meglio. Per esempio, una volta scelto il nostro soggetto, come dobbiamo comportarci con lo sfondo? Dobbiamo includerlo? E come?

6666 - Alessia
Possiamo riempire l’inquadratura con il soggetto o sfocare lo sfondo, se non ci piace. In questo caso, tutto ciò che mi interessava era il leggero sorriso della mia amica Alessia

Innanzitutto, non è detto che lo si debba includere. Può essere troppo piatto e banale o, al contrario, troppo vivo e distrarre dal soggetto. Uno sfondo può essere semplicemente inutile al vostro scopo oppure presentare degli elementi sgradevoli, come per esempio, in un contesto urbano, dei cassonetti o delle antenne televisive. In tutti questi casi, si può escludere il contesto con poche semplici tecniche di base. Rivediamole insieme.

Una tecnica molto semplice consiste nel riempire l’inquadratura col soggetto, senza lasciare spazio ad alcuno sfondo. Basta soltanto avvicinarsi a sufficienza o usare un’ottica sufficientemente lunga. Non sempre questo approccio è pratico, perché un ritratto a figura intera difficilmente riempirà un fotogramma 3:2 o peggio ancora 4:3, senza contare che ci sono soggetti cui non potrete e vorrete avvicinarvi troppo. In alternativa, potete piazzare il soggetto proprio al centro dell’inquadratura, in modo che l’occhio dell’osservatore vada in quel punto, e, se il contesto non ha un gran peso visivo, non si muova più da lì.

Ovviamente è possibile sfruttare un’ampia apertura del diaframma per avere una piccola profondità di campo e sfocare lo sfondo. È la tecnica preferita da molti e io stesso la uso tantissimo. Purtroppo alcuni la trovano fastidiosa e vi chiederanno “Non potevi mettere tutto a fuoco?”, ma, a parte questo, l’unica limitazione sono le condizioni di forte luce, che potrebbero costringervi a chiudere il diaframma per avere una buona esposizione: in tal caso un filtro ND o polarizzatore può venire in vostro soccorso. Ricordate che potrete valutare l’esito della vostra foto con il pulsante di anteprima diaframma, solitamente posto davanti al corpo macchina, accanto all’obiettivo.

7815 - Grifoncella
La piazza del Duomo di Orvieto è stretta e affollata. Per riuscire a scattare il ritratto che Emanuela mi aveva chiesto davanti alla chiesa, senza troppi elementi di disturbo nell’inquadratura, ho scelto un punto di ripresa non convenzionale (foto a sinistra di M. C. Bucci)

Se lo sfondo non vi dispiace, ma ci sono alcuni elementi di disturbo (passanti, auto parcheggiate, bidoni della spazzatura o qualsiasi altro elemento non gradito), potete pensare semplicemente di cambiare punto di ripresa: ruotate intorno al soggetto, abbassatevi e puntate in alto per includere una porzione più ampia di cielo o alzatevi e puntate in basso per avere l’effetto contrario. Alle volte dovrete fare capriole e salti mortali per avere l’inquadratura migliore.

33711800230_b46bd8d4e3_o
Analogo al panning, lo zooming consiste nel variare la focale dell’obiettivo durante lo scatto. In questo caso l’effetto è stato simulato in post-produzione con scarsi risultati

Un metodo non molto semplice da utilizzare, ma, se ben fatto, efficace e di sicuro effetto è il panning, di cui ho già ampiamente parlato in questo articolo sull’uso del mosso in fotografia.

10215861734_115d51b735_o
Uno sfondo che presenta delle linee, una trama o delle geometrie, può dare risalto al soggetto. Nel caso di linee, per esempio, queste potrebbero guidare lo sguardo dell’osservatore verso il soggetto

Una tecnica che io non uso tantissimo, ma è comunque molto utilizzata e, per esempio, consigliato da Luigi Ghirri nelle sue “Lezioni di fotografia” è quello di sottoesporre lo sfondo rispetto al soggetto. Il motivo per cui non mi piace tanto è che spesso molte persone usano il flash della macchina fotografica come luce principale in contesti di scarsa illuminazione, ottenendo perlappunto un soggetto ben esposto, circondato dal buio assoluto e foto del genere sono decisamente poco gradevoli e hanno un aspetto artificioso. Il pericolo che si corre è che si ottenga un effetto simile.

1891 - Con il cavallo, contro la torre
Sottoesponendo lo sfondo, sono riuscito a isolare il mio soggetto con un fascio di luce ben diretto, dare un tono più drammatico allo scatto e lasciare indefinito il bordo della scacchiera.

Ci sarebbe un altro metodo, la desaturazione selettiva, che è malvisto dai puristi, perché considerato come barare. Neanche a me piace molto, sebbene qualche volta lo abbia usato. Noto anche come “effetto Sin City“, perché reso celebre dall’omonimo film, ispirato al fumetto di Frank Miller, la tecnica consiste nel desaturare il contesto e lasciare ben saturi i colori del soggetto. Se decidete di usarlo, cercate di non abusarne (una foto in un set va bene, un intero servizio facilmente stuferà), non utilizzarlo a sproposito (siate sicuri di non desaturare ciò che deve avere centralità nella scena) e scontornare il soggetto in maniera perfetta.

1112 - Ritratto - Special
La mia amica Emanuela voleva anche una foto davanti al Pantheon e questa volta non avevo spazio (né voglia) per buttarmi a terra, così ho scelto un’inquadratura più classica, ma c’era davvero troppa folla sullo sfondo e così, dato che a lei questo effetto piace, ho usato la desaturazione selettiva.

Un’alternativa più accettabile è quella per cui si desatura il contesto, ma soltanto un po’, quindi rendendo solo meno vivi i colori, senza arrivare al bianco e nero.

12 pensieri riguardo “Questioni di fondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.