Con una macchina come la tua

Un qualsiasi appassionato di fotografia spesso (sempre?) ha un sogno “tecnologico” nel cassetto. Che sia una fotocamera, un particolare obiettivo o addirittura una sala posa personale. In alcuni casi, resterà sempre un sogno, ma in altri potremo riuscire a realizzarlo, magari mettendo da parte i nostri sudati risparmi. E poi, quando felici usciamo per scattare, arriva il solito guastafeste che ci dice “Facile fare belle foto con una macchina come la tua” oppure “Che belle foto che fa la tua macchina“.

Perché per alcuni il fotografo è un tizio che preme solo un tasto e fa poco altro e, se fa belle fotografie, è solo perché ha una buona macchina fotografica. Ma è davvero così? Quanto conta l’attrezzatura fotografica? Quanto l’abilità del fotografo? Quanto la sua preparazione tecnica e artistica? Studiare manuali tecnici e libri di fotografia e fare tanta pratica: questo serve davvero. Il talento naturale, poi, è prezioso, ma con quello ci si nasce e non c’è molto da fare. Eppure l’attitudine si può coltivare.

Certo, nessuno nega che un buon obiettivo di ottima fattura (e quindi costoso) o una reflex allo stato dell’arte con tutte le opzioni più recenti, possa facilitare la buona resa finale degli scatti, ma tutta questa tecnologia bisogna conoscerla e saperla usare. Tant’è che, quando di solito qualcuno la pensa diversamente, mi limito a porgergli la mia fotocamera e offrirgli la possibilità di scattare qualche bella foto. La maggior parte riesce a malapena a trovare il tasto di scatto e non sa neanche cosa sia il diaframma. Perché i casi sono due: o una reflex la si sa usare sul serio, o al limite si imposta tutto su automatico e allora, al massimo, guadagneremo un po’ di nitidezza negli scatti. In generale, molti tenderanno a sminuire quello che non sanno fare, derubricandolo a una cosa banale e inutile, ma ci vuole poco per riportarli alla realtà.

Personalmente, il più delle volte la fotocamera del telefono non mi basta. Avere a disposizione solo un grandangolo è già una forte limitazione, ma potrei anche adattarmi. Ciò a cui non riesco a rinunciare è la possibilità di scegliere tempi e diaframmi. D’altro canto la reflex è pesante, richiede almeno un obiettivo e il pacchetto complessivo è decisamente ingombrante (altri fastidi che il vero appassionato di fotografia è disposto a sopportare, oltre a premere tasti). Per questo non mi separo mai dalla mia compatta, una Fuji-X30 che ormai ha i suoi annetti, ma non mi ha mai deluso. Eppure anche per questo c’è chi mi prende in giro. “Che te ne fai? Usa il telefono!“, mi dicono gli stessi che pensano che le mie foto siano belle, quando lo sono, solo perché ho un’attrezzatura migliore.

E, sì, lo ripeto, alcune fotografie non avrei potuto farle senza l’attrezzatura adatta. Non posso pensare di entrare in un teatro e scattare foto con un telefonino. Mi servirà un obiettivo “veloce” (quindi con un’ampia apertura massima del diaframma), con una lunghezza focale adeguata e anche una fotocamera con una velocità di scatto non trascurabile. Detto questo, nessuna macchina fotografica è (ancora) in grado di comporre un’immagine. Perché la fotografia, non mi stancherò mai di ripeterlo, è selezione, scelta, e le scelte le fa tutte il fotografo. Una buona fotografia è fatta dalle scelte giuste, in definitiva. Compresa anche l’attrezzatura giusta.

Oppure possiamo continuare a credere che per una bella immagine bastino i filtri di Instagram, una desaturazione selettiva (magari col soggetto scontornato male) e un bilanciamento del bianco sbagliato, spacciato come una gestione artistica dei colori. Oppure, altra moda del momento, mostrare uno scatto realizzato in modo dozzinale e sciatto, aggiungendo un hashtag #nofilter pensando di renderla automaticamente genuina e, quindi, artisticamente rilevante.

Quindi, prima di investire le nostre risorse in un obiettivo costoso o sull’ultima versione di fotocamera, dedichiamoci allo studio, alla preparazione artistica, tecnica e perfino fisica. Coltiviamo il nostro gusto personale e alleniamo il colpo d’occhio e la previsualizzazione. Questo ci permetterà di realizzare ottime fotografie, sempre, con qualsiasi attrezzatura a disposizione.

Facciamo in modo che sia la nostra fotografia a definire l’attrezzatura di cui abbiamo bisogno e non il contrario.

Buona fotografia!

2 pensieri riguardo “Con una macchina come la tua

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.