Bianco & Nero – La post-produzione

Se scattate a pellicola, dovrete spendere del tempo in camera oscura per ottenere un buon risultato che soddisfi le vostre aspettative. Se, invece, optate per il digitale, potrete ottenere con pochi click degli ottimi risultati.

Molte fotocamere consentono, oltre che di scattare direttamente in bianco e nero, la possibilità di convertire lo scatto a colori, anche simulando diverse pellicole. Anche gli smartphone e alcuni social network come Instagram offrono filtri e simulazioni di pellicole monocrome.

20311 - Bulbs
Una simulazione pellicola ottenuta in post-produzione

Tuttavia, il mio consiglio è sempre quello di scattare in formato RAW, quindi a colori, e convertire l’immagine sul computer, con un buon programma di conversione. Ce ne sono di appositi e tutti i programmi generici di gestione del flusso di lavoro fotografico e fotoritocco hanno almeno un’opzione per la conversione in bianco e nero, spesso offrendo anche la possibilità di aggiungere plug-in dedicati.

The GIMP

Per esempio il software di fotoritocco GIMP offre uno strumento molto semplice di conversione, la desaturazione dei colori.

[6666 - Alessia] (importata)-4.0 (Colore RGB, 1 livello) 2844x4284 – GIMP
Lo strumento Colori -> Desaturazione…

Lo strumento è molto semplice e consente solo tre opzioni per la scelta dei toni di grigio, Lucentezza, Luminosità e Media. Per chi è un po’ più tecnico e matematico, la differenza consiste nell’uso di tre formule diverse per il calcolo della luminanza:

Lucentezza= ½× (max(R,G,B) + min(R,G,B))
Luminosità= 0.21 × R + 0.72 × G + 0.07 × B
Media= (R + G + B) ÷ 3

 

Chi invece non volesse avere niente a che fare con queste astruse formule, può semplicemente provare le tre opzioni e vedere di volta in volta quale lo soddisfa di più.

6666 - Alessia
La stessa immagine a colori e nelle tre modalità di desaturazione di GIMP. In molti contesti, le differenze non saranno apprezzabili.

In realtà GIMP ha anche altri metodi, più avanzati, per la conversione del colore, ma, se scattate in formato RAW, vi consiglio di gestire questi aspetti con un software che lavori direttamente sui file grezzi.

RawTherapee

RawTherapee è un software per la gestione del flusso di archiviazione fotografica. Legge i file Raw e consente di classificarli e archiviarli, ma anche di post-produrli. Consideratelo la vostra camera oscura digitale: non ha funzioni di ritocco vere e proprie, ma solo di sviluppo fotografico. Lavorando sul dato grezzo, consente un livello di qualità estremamente superiore e vi dà la possibilità di esportare il lavoro finito in vari formati, come JPEG e TIFF, salvandoli sulla memoria di massa o inviandoli al software di fotoritocco per ulteriori modifiche. L’aspetto più interessante è dato dal fatto che è possibile salvare il flusso di lavoro, così, in caso di nuove necessità, si può modificare il file a partire dall’ultimo stato di lavorazione dell’immagine, anche annullando le precedenti scelte.

Lo strumento più semplice che offre RawTherapee per la gestione del bianco e nero e della monocromia è rappresentato dai profili di sviluppo.

RawTherapee 4.2.1234 - CUsersDarthSeverDesktop12896+-+Fototessera - rid.jpg
Nei profili di sviluppo, disponibili nella scheda “Modifica” nel menù in alto a destra, c’è una scheda BW con 4 diversi profili per il bianco e nero, ma vi consiglio di dare un’occhiata anche al profilo “Pop 4 BW” nella scheda Pop, per una simulazione pellicola più particolare

I profili sono semplici da usare e il più delle volte funzionano bene, ma non sempre vi permetteranno di ottenere esattamente quello che volete, così come la desaturazione di GIMP, disponibile anche su RawTherapee.

RawTherapee 4.2.1234 - CUsersDarthSeverDesktop12896+-+Fototessera - rid2.jpg
Nella sezione di modifica, sotto la scheda “Esposizione”, oltre agli altri controlli sulle luci, come luminosità e contrasto, trovate quello per la (de)saturazione del colore: portandolo al limite minimo otterrete un bianco e nero standard

Se volete, invece, cominciare a lavorare in modo un po’ più professionale e fine, dovete spostarvi nella scheda “Colore”, per trovare due strumenti decisamente interessanti.

Il primo è il miscelatore di canali, il più completo, il più versatile, il più complicato, ma neanche troppo. Il miscelatore consente di modificare i colori dell’immagine, alterandoli e migliorandoli. Potete provare a giocare un po’ con i cursori, tre per ciascuno dei tre canali, per un totale di nove, per vedere quali effetti ottenere. Per avere un bianco e nero, dovete impostare gli stessi valori sui cursori dei vari canali, come nell’esempio seguente.

RawTherapee 4.2.1234 - CUsersDarthSeverDesktop12896+-+Fototessera - rid3.jpg
In questo esempio ho voluto simulare un filtro rosso aumentando l’intensità di quel colore su tutti e tre i canali, per i quli ho impostato gli stessi valori, per avere un bianco e nero

Subito sotto il miscelatore di canali, c’è un’altra scheda “Bianco-Nero” che serve proprio al nostro scopo ed è il mio metodo preferito. Questa funzione deve essere attivata, mediante un click sul simbolo Φ proprio accanto al nome, dopodiché avete la possibilità di regolare le impostazioni del vostro bianco e nero.

Potete decidere di lavorare sulla desaturazione, sulla luminanza o sulla miscelazione dei canali: vi consiglio di concentrarvi su questa ultima. Intanto, avete una serie di pre-impostazioni che vi agevoleranno nello scopo: fate qualche prova, per esempio con ritratto, luminanza e panorama. A seguire, avete la possibilità di impostare un filtro colorato sull’immagine, come abbiamo visto negli articoli precedenti.

RawTherapee 4.2.1234 - CUsersDarthSeverDesktop12896+-+Fototessera - rid4.jpg
La funzione Bianco-Nero in modalità miscelatore di canali. Anche in questo caso ho impostato un filtro rosso per la desaturazione

Se nessuna di queste tre opzioni vi soddisfa, potete lavorare direttamente sul miscelatore di canali, questa volta con solo tre cursori, uno per canale e ottenere l’effetto desiderato. Qui di seguito riporto una tabella che vi consentirà di replicare l’aspetto di alcune delle più comuni pellicole in bianco e nero.

Pellicole.ods - LibreOffice Calc
Valori da impostare nella funzione bianco nero per ottenere lo stesso effetto di alcune pellicole ed effetti standard. Notare che la somma dei valori è sempre 100, ma potete sperimentare e vedere cosa accade superando o restando sotto il valore

Viraggio

Ci sono vari miglioramenti generici che potete ancora applicare alle vostra foto, come migliorare luminosità e contrasto (per esempio modificando i livelli, esattamente come si fa con l’esposizione a destra), aumentare la nitidezza, schemando o bruciando parte dell’immagine o inserendovi una grana, per aumentare l’effetto pellicola.

Ciò che magari potreste voler ottenere è una foto in monocromia, ma non esattamente in bianco e nero, per esempio seppia. Questo effetto è detto viraggio o toning.

RawTherapee 4.2.1234 - CUsersDarthSeverDesktop12896+-+Fototessera - rid5.jpg
Una simulazione del viraggio seppia in RawTherapee.

Il viraggio è possibile verso qualunque tonalità, ma i più diffusi sono il seppia, per dare calore alle luci e il blu per dare freddezza alle ombre. Nel caso del seppia, bisogna rafforzare la componente rossa dei tre canali, miscelandole fino a ottenere la tonalità desiderata.

1150 - Antica pentola
Alcuni software di fotoritocco offrono dei filtri preimpostati per ottenere determinati effetti. GIMP con l’effetto disponibile nel menù Filtri -> Decorativi -> Vecchia foto… consente con pochi click di ottenere un’immagine come questa

Un pensiero riguardo “Bianco & Nero – La post-produzione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.