Segno, icona, indice

Siamo abituati alla fotografia a tal punto che ormai non possiamo immaginare la nostra vita senza. La società dell’immagine, quella in cui viviamo, ha una colonna sonora fatta di click degli otturatori (magari simulati sulle macchine digitali e gli smartphone), eppure ancora si discute su cosa sia in realtà una fotografia, su cosa rappresenti.

Una fotografia spesso è un complesso insieme di tante parti

A tal proposito, Charles Sanders Pierce nel 1897 sviluppò una teoria della comunicazione, molto schematica, ma che si applica bene alla fotografia. Il semiologo americano divideva i segni, cioè una qualsiasi unità discreta di significato, un segnale che rinvia a un significato, in tre categorie: icone, simboli e indici. Tale teoria è stata ripresa, modificata e sviluppata negli anni, per esempio da Umberto Eco e Roland Barthes, ma la sua struttura originaria è ancora oggi valida e vale la pena vedere le sue implicazioni sul segno fotografico.

Vediamo cosa intende Pierce con icona, simbolo e indice

L’icona è un segno che in qualche modo, con un qualche grado, somiglia all’oggetto cui fa riferimento. Quando disegniamo qualcosa, stiamo realizzando un’icona: il soggetto della nostra rappresentazione è, si spera, palese… quanto meno, se siamo bravi a disegnare. Per esempio, possiamo considerare il disegno di un uomo stilizzato un’icona? Più probabilmente, in quel caso dovremmo parlare di simbolo.

Un paesaggio è principalmente un’icona, una “copia” di una bella scena da guardare e ricordare

I simboli, invece, non devono necessariamente avere una somiglianza con l’oggetto della loro rappresentazione. Il loro significato si basa esclusivamente su una condivisione culturale. I segnali stradali, per esempio, spesso non hanno alcuna somiglianza con ciò che vogliono rappresentare (perché uno stop dovrebbe somigliare a un ottagono?), ma il codice della strada, cioè una convenzione culturalmente condivisa, associa a quei simboli il relativo significato. Tale significato evita, si spera, di trovare sgradevoli tracce di pneumatici o peggio sull’asfalto.

Monete e medaglie sono piene di riferimenti culturali simbolici

Quelle tracce di pneumatici hanno una relazione causale, fisica con l’oggetto che le ha create: le vediamo e sappiamo che qualcuno è stato costretto a inchiodare. In questo caso, Pierce utilizza il termine indice. Se vediamo del fumo, sappiamo che da qualche parte c’è del fuoco, se vediamo un’impronta, sappiamo che qualcuno è passato da quelle parti: in entrambi casi abbiamo degli indici che ci portano delle informazioni.

Chissà quale belva feroce avrà lasciato queste impronte? In ogni caso, sono indici del suo passaggio

La fotografia, data la sua particolare concezione, può facilmente ricadere in tutte e tre le categorie. Questo vale particolarmente per la fotografia realista, ma anche, con maggiore o minore grado, per gli altri tipi di immagini fotografiche, fino alle astratte. Insomma, ogniqualvolta premiamo quel tasto, icona, simbolo e indice si combinano in modo molto specifico.

Un ritratto ambientato, spesso non ha un significato particolare: è un’icona

In prima battuta, l’obiettivo produce un’immagine che è sempre in qualche misura somigliante alla realtà, tanto che c’è ancora chi cerca di spacciare la fotografia come una rappresentazione che non può mentire. Veritiera o no, quindi, la nostra fotografia ha comunque tutti i requisiti dell’icona.

Per un fan del MCU, la prova che Tony Stark ha un cuore è un simbolo

Un’icona che, però, può sempre includere, tra i suoi referenti, dei significati simbolici, presentandosi quindi anche come simbolo. Infine, non trascuriamo che scattare una fotografia significa scrivere con la luce, ovvero lasciare che i raggi luminosi lascino sul materiale fotosensibile delle tracce, proprio come i nostri piedi fanno sulla sabbia.

Non trascuriamo il fatto che una fotografia è indice della nostra presenza sulla scena

Quindi, possiamo discutere (ce n’è davvero ancora bisogno?) se la fotografia sia arte o meno, ma di certo non si può negare che sia qualcosa di tutt’altro che banale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.