Prime difficoltà con la fotografia sportiva

Il fotografo sportivo è fondamentalmente un cronista. Non sono rari casi in cui i suoi scatti sono successivamente raccolti in libri ed esposti in mostre, ma principalmente il suo mercato di riferimento sono giornali e siti di informazione, che vogliono avere subito, addirittura in tempo reale, nel caso di redazioni web, le immagini per i loro articoli.

40962467472_9a60eb9c1b_o
Un fotografo sportivo deve schivare parecchie difficoltà

Questo già porta il fotografo a dover fare una scelta sul formato dei file che desidera usare. Sappiamo che il formato Raw garantisce ampio margine di manovra in post-produzione e registra molte più informazioni dei formati compressi, ma d’altra canto è un semilavorato ingombrante e più difficile da trasmettere e gestire: alcune redazioni potrebbero non gradire questi file.

45983232562_44d3e56286_o
È importante avere le immagini a disposizione rapidamente. Meglio ancora, se prima degli altri

Potrebbe essere il caso di scattare foto in formato JPEG, ma ciò richiede che le impostazioni della fotocamera, esposizione e bilanciamento del bianco, siano perfette, perché non modificabili in seguito. Potreste non avere lo spazio per usare un laptop in tethering e valutare ciò che avete ottenuto e, quindi, dover trasmettere tutto direttamente dalla fotocamera con un modulo wi-fi.

44791028482_e3cc2d5645_o
Avrete sempre poco tempo per scegliere e centrare il bersaglio

In entrambi i casi, mancherà parte del controllo sul vostro processo di produzione delle immagini. Un’alternativa può essere quella di scattare in entrambi i formati, ma questo, oltre a occupare più spazio, renderà il funzionamento della vostra fotocamera più lento, quindi bisogna valutare questa opzione attentamente.

40493562434_5f816d2094_o
Avendo tempo di post-produrle, le vostre immagine saranno più belle: ne avrete la possibilità?

Quindi considerate bene il bilanciamento del bianco, soprattutto in interno, dove la luce è sempre più scarsa e i colori di pareti e pavimenti possono trarre in inganno i sensori, soprattutto se non siete in posizione ideale per fotografare il soggetto, come una postazione troppo lontana o troppo alta (le riprese dall’alto raramente sono le migliori).

9029648431_ee751dd969_o
È preferibile una giornata nuvolosa per gli scatti all’aperto

Se poi vi trovate in condizione di luce mista (per esempio luce naturale da una finestra e illuminazione artificiale della struttura), l’unica soluzione sicura resta l’uso di un cartoncino grigio 18% per l’esposizione e il bilanciamento. In questo caso, avrete una luce equilibrata, che mostrerà le varie dominanti (come in fondo si presentava la scena), senza virare in modo eccessivo sull’una o sull’altra. Altrimenti, potete affidarvi agli automatismi della vostra fotocamera, sperando che siano sufficientemente efficaci.

45114942495_7afc7bcd32_o
In alcuni casi, gli automatismi saranno indispensabili per non perdere l’attimo

D’altro canto, scattando in interni, non dovreste avere (a meno di illuminazioni con faretti colorati e altre coreografie) problemi di luce variabile che potreste avere durante il giorno in un’attività all’aperto.

2 pensieri riguardo “Prime difficoltà con la fotografia sportiva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.